Regolamenti e norme Unione Europea

Trattato di Maastricht, 1992
Attribuisce alla Commissione europea il compito di “promuovere la consultazione delle parti sociali a livello comunitario” e di prendere “ogni misura utile per facilitarne il dialogo”, chiedendole al contempo di “consultare le parti prima di presentare proposte nel settore della politica”

Libro bianco sulla governance europea, 2001
Il tema della partecipazione si intreccia con altri importanti oggetti di discussione come quello della trasparenza, dell’accesso agli atti, della partecipazione procedimentale e della comunicazione istituzionale

Verso una cultura di maggiore consultazione e dialogo. Principi generali e requisiti minimi per la consultazione delle parti interessate ad opera della Commissione”, comunicazione 2002
L’Ue sottolinea che la partecipazione, l’apertura, l’efficacia e la coerenza

Piano D per la democrazia, il dialogo e il dibattito,  2005
La Commissione europea adotta il piano e avvia un processo di discussione sul futuro dell'Unione europea, che ha al centro il dialogo, il dibattito e l’ascolto delle esigenze i cittadini

Trattato di Lisbona, 2009
Riconosce la profonda distanza tra istituzioni europee e cittadini e afferma l’importanza di instaurare un dialogo vivo e diretto, ha sancito la partecipazione quale principio costituzionale vero e proprio

Legge 24 dicembre 2012, n. 234
Norme generali sulla partecipazione dell'Italia alla formazione e all'attuazione della normativa e delle politiche dell'Unione europea

Azioni sul documento
Pubblicato il 21/07/2015 — ultima modifica 21/07/2015
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it