mercoledì 24.05.2017
caricamento meteo
Sections

Economia circolare


L’Economia circolare delinea la svolta verde per l’Emilia-Romagna e i suoi territori: fare dei rifiuti una risorsa, puntare su un nuovo sistema di gestione che sia sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale, sociale ed economico per consegnare alle generazioni future un territorio più pulito, sano e stabile dal punto di vista economico.

Con la legge 5 ottobre 2015 n.16 la Regione Emilia-Romagna ha fatto propri i principi dell’Economia circolare: il modello di gestione delineato è in linea con la cosiddetta “gerarchia dei rifiuti” europea, che pone al vertice delle priorità prevenzione e riciclaggio. L’attenzione si sposta quindi sulla parte a monte della filiera e non più su quella terminale, attraverso la progressiva riduzione dei rifiuti non inviati a riciclaggio e l’industrializzazione del riciclo.

La norma regionale pone al 2020 il raggiungimento di obiettivi importanti e sfidanti: riduzione del 20-25% della produzione pro-capite di rifiuti urbani, raccolta differenziata al 73%, riciclaggio di materia al 70%. Altri obiettivi strategici sono il contenimento dell’uso delle discariche e l'autosufficienza regionale per lo smaltimento.

Le azioni necessarie per conseguire tali obiettivi saranno attuate in coerenza a quanto definito dal Piano regionale per la gestione dei rifiuti, varato dalla Giunta a gennaio e approvato i primi di maggio dall’Assemblea legislativa, che delinea la svolta verde per l’Emilia-Romagna e i suoi territori.

Il Forum permanente per l’economia circolare è uno degli strumenti previsti dalla LR 16/15: in particolare l’art. 1 comma 4 dalla norma dispone infatti che “la Giunta regionale istituisce un Forum permanente per l’economia circolare cui partecipano le istituzioni locali, i rappresentanti della società civile, le organizzazioni economiche di rappresentanza delle imprese e le associazioni ambientaliste, definendo le modalità di partecipazione, anche avvalendosi di appositi strumenti informatici. La partecipazione non prevede oneri per la Regione.

Sul portale ambientale della Regione è data evidenza delle attività del Forum”. Il Forum risponde anche ai principi contenuti nel cd. “Pacchetto sull'economia circolare” presentato dalla Commissione europea con l’obiettivo di supportare la transizione delle imprese e dei consumatori europei verso un'economia più circolare e forte, basata sull’uso sostenibile delle risorse. L’Europa chiede alle autorità locali, regionali e nazionali di partecipare ad attuare concretamente questa transizione, assicurando condizioni favorevoli per l’innovazione, il coinvolgimento di tutti i portatori di interesse e la previsione di una vasta serie di azioni concrete da attuare entro il 2020.

L’attivazione del forum sull’economia circolare è pertanto uno degli strumenti che l’Emilia-Romagna mette a disposizione per contribuire al conseguimento delle proprie politiche in materia di rifiuti nonché delle politiche europee sull’uso sostenibile delle risorse, con l’obiettivo di promuovere la cultura dell’Economia circolare e consentire ai diversi portatori d’interesse di fornire il proprio contributo all’azione regionale.

Chiudi il cerchio Piazza

Consultazione

Aperta fino al 30/06/2017

Attuazione

Si rivolge a
  • Associazioni
  • Aziende
  • Cittadini
  • Enti
Chiudi il cerchio

La legge regionale 16/2015 prevede l'avvio di un Forum permanente, strumento con cui la Regione promuove le proprie strategie ed azioni sull’economia circolare e consente ai diversi portatori d’interesse di fornire il proprio contributo alle decisioni pubbliche. L'avvio del Forum avviene attraverso il processo partecipativo “Chiudi il cerchio”.

Azioni sul documento

Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it