lunedì 11.12.2017
caricamento meteo
Sections

Livello di partecipazione Consultazione

Fase della politica Analisi

I mestieri degli altri

Conclusa il 31/03/2014

Si rivolge a
  • Associazioni
  • Aziende sanitarie
  • Cittadini
  • Enti
  • Università

Sentinelle?

Vai al livello superiore

La piazza è conclusa. Non è più possibile scrivere nel forum.

Re: Sentinelle?

Lasciato da Cristina Ceccarelli il 14 febbraio 2014 alle 10:12
Buongiorno Barbara, io ero presente all'evento che si è svolto il 27 gennaio a Cervia. Scopo della serata era presentare il progetto e avviare una riflessione sul ruolo che la comunità può avere nell'intercettare i bisogni e le fragilità che stanno attorno a noi.
Si tratta di un percorso di conoscenza e di coinvolgimento che mira sostanzialmente ad attivare una sensibilità diffusa all'ascolto e alla percezione di situazioni criticità, in una comunità in cui anche le persone apparentemente più lontane dal lavoro sociale possano svolgere un importante ruolo di "sentinella".
La Sentinella è la persona che ascolta, coglie la fragilità, può orientare la persona in difficoltà e può indirizzarla verso la rete dei servizi o viceversa. La Sentinella può rappresentare un utile aggancio nei confronti dei servizi esistenti nel territorio.
Il progetto partirà con cicli di incontri rivolti a tipologie diverse di professionisti (estetiste, parrucchiere, medici, baristi e tabaccai, insegnanti, volontari, cittadini, amministratori di condominio ed altre categorie) con cui costruire percorsi permanenti di attivazione della responsabilità civica.
L'intero percorso mira a riconoscere, sviluppare e valorizzare i talenti sociali, preziose risorse presenti all'interno della comunità stessa, una comunità che va sostenuta affinché la salute e il ben vivere possa essere considerato sempre più come bene collettivo.

Re: Sentinelle?

Lasciato da Curcio_B il 14 febbraio 2014 alle 11:39

Grazie, Cristina, per  queto intervento  da Cervia.

Questa info è molto interessante e cercheremo di citarla durante il seminario di oggi pomeriggio,

http://assr.regione.emilia-romagna.it/it/eventi/2014/mestiere_altri/intro

che è appunto dedicato a discutere  l'esperienza di due diverse realtà, che hanno preso in considerazione e cercato di far diventare sistematiio l'ascolto e anche la funzione di "pomte", di collegamento, attraverso persone della comunità e dei servizi.

In particolare, l'esperienza che porterà Tom Arnkil, dalla Finlandia, viene dal mondo della scuola.

Speriamo che possa suscitare analogie e ci dia spunti anche nel campo della salute.

L'esperienza degli agennti di salute, dal Brasile, so che vi è stata portata nel vostro territorio ieri.

 

Qualcuno di voi impegnati nel progetto delle sentinelle sarà presente oggi?

 

Si potrà anche  seguire la diretta IN ITALIANO alle 15.00  da questo link: http://assr.regione.emilia-romagna.it/it

e contribuire via twitter al dibattito:  #sanimov

 

Ci rivediamo qui dopo il seminario,  per fare insieme considerazioni utili al vostro  interessante del vostro progetto e, dal momento che le Case della Salute si stanno sviluppando in tutto il territorio regionale, anche prezioso per noi tutti.

A risentirci

barbara


Re: Sentinelle?

Lasciato da Cristina Ceccarelli il 15 febbraio 2014 alle 12:17

Buongiorno da Cervia, a questo link è possibile vedere una piccola sintesi della serata di presentazione del progetto Sentinelle, il 27 gennaio nei Magazzini del Sale.

http://www.youtube.com/watch?v=CX_-_-905jI&feature=share&list=UU3Xpww7f6gqulPEwKuJ-iGQ

Grazie soprattutto Barbara per le informazioni anche su come accedere on line al seminario di Bologna. A qualche link è possibile forse vedere la registrazione o alcuni stralci?
Grazie mille
Cristina

Re: Sentinelle?

Lasciato da Curcio_B il 16 febbraio 2014 alle 21:03

Grazie del link al video di Cervia!

Il video con i contenuti integrali del seminario "I mestieri degli altri" sarà disponibile a giorni sul canale YouTube  dell'Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale

dove depositiamo tutti i materiali video di Sanità in Movimento.

Faremo diverse clip, raggruppando le diverse fasi delle presentazioni e della discussione, in maniera che siano fruibili anche separatamente.

Faremo comunque un annuncio appena sara tutto disponibile.

barbara

Re: Sentinelle?

Lasciato da Daniela Poggiali il 19 febbraio 2014 alle 15:30

Salve, come qualcuno ha già annotato, si tratta di un progetto che cerca di attivare nella comunità specifiche sensibilità per percorsi di autocura e di attenzione alle fragilità. Alle sentinelle viene riconosciuto un talento sociale e che può essere presente anche in gruppi di cittadini non sempre coinvolti nel welfare. L'obbiettivo è l'aggancio di chi non si avvicina ai servizi e l'aumento di attenzione ai percorsi di salute di un territorio.

Il progetto è partito con una serata di presentazione, di cui potete vedere qui il video, da cui partiranno poi altri percorsi di sensibilizzazione. Due percorsi specifici riguardano la sperimentazione dello Sportello sociale all'interno della Casa della Salute Isotta Gervasi, prima realizzazione di una modalità innovativa di sportello sociale diffuso, e il percorso di formazione di amministratori di sostegno volontari.

Per Cervia è stata importante la partecipazione al CommunityLab, promosso dalla Regione, che ci ha permesso di sviluppare, in forma laboratoriale, riflessioni e progettualità in questa direzione e che ci ha sostenuto in percorsi sperimentali innovativi.

L'esperienza è per ora gratificante e professionalmente ricca.

Vi allego il progetto sintetico

daniela

Allegati

Re: Sentinelle?

Lasciato da Vivoli_V il 20 febbraio 2014 alle 17:41

Buonasera a tutti,

sono Vanessa e faccio parte dello staff del Community Lab.

C'ero a Cervia, ero presente la serata del 27 gennaio, ed ho sentito il "calore" e la "forza" della vostra comunità che ha partecipato e si è fatta coinvolgere.

Se non sbaglio più di 200 persone.

E molto probabilmente molti di questi parteciperanno anche ai percorsi formativi che state proponendo.

Ed ecco la mia domanda: qual è l'ingrediente?

Parliamo di crisi del welfare, di mancanza di fiducia nelle isituzioni, eppure la "vostra comunità" è venuta, si è fidata di voi, che comunque per loro siete "istituzione" ....

 

 

Re: Sentinelle?

Lasciato da FLAVIA BEZZI il 21 febbraio 2014 alle 19:39

E' vero, c'erano più di 200 persone il 27/1! Una forte partecipazione di tutta la città che ha capito la "bontà" del progetto.

Credo che ora più che mai ognuno si renda conto che occorre recuperare quella sensibilità che è insita dentro alle persone ma che spesso viene tenuta celata per non apparire deboli.

La consapevolezza della crisi attuale, la perdita di lavoro, la mancanza di futuro per i giovani, la conseguente perdita di valori, le discriminazioni di razza, di sesso, di opinioni politiche, la violenza contro le donne, deve indurre ciascuno ad aprire la mente ed il cuore verso gli altri.

Ogni persona possiede una sensibilità, più o meno spiccata, nel rilevare situazioni di fragilità.

In particolare vi sono professionalità che più di altre sono in grado di rilevare tali situazioni.

Pensiamo a:

- i medici di famiglia che meglio di chiunque altro conoscono i loro pazienti e le relazioni familiari;

- gli amministratori di condominio  in grado di percepire l’esistenza di  problematiche di tipo finanziario per perdite di lavoro o altro fra i propri condomini;

- i baristi, che vedono uomini e donne affogare i loro dispiaceri nell’alcool o giocare ai videopoker quotidianamente con perdite sensibili di denaro;

- i tabaccai, presso i quali i pensionati spendono la loro pensione nei gratta e vinci e lotterie varie o si rovinano giocando al lotto;

- le estetiste/parrucchiere alle quali le clienti manifestano insicurezze o  situazioni critiche personali o familiari;

- le insegnanti , i sacerdoti ma anche i vicini di casa, i colleghi di lavoro e tanti altri.

Ognuno di noi, nel nostro piccolo siamo sentinelle e la sentinella deve offrire empatia non simpatia, non promettere segretezza ma cercare supporto, deve ascoltare, offrire speranza  suggerendo le alternative valide nella rete dei servizi o fare in modo che i servizi siano di supporto alla persona in difficoltà.

Sono certa che le persone che hanno partecipato alla serata del 27 gennaio, hanno compreso questo messaggio.

Cosa ne pensate?

Re: Sentinelle?

Lasciato da maria Busi il 24 febbraio 2014 alle 13:12

 

 

Re: Sentinelle?

Lasciato da maria Busi il 24 febbraio 2014 alle 13:23

 

Sono Luisa ed ero presente anche io il 27 gennaio a Cervia  , la partecipazione è stata davvero notevole e considerando il particolare momento di difficoltà in cui stiamo vivendo , vedere tante persone coinvolte o almeno interessate a questo argomento fa sperare nel domani.

Essere in grado di prestare attenzione a quello che ci circonda , sapere ascoltare e saper "esserci"  è fondamentale per vivere tutti un pò meglio.

Credo che sentinelle si nasce ma si può anche diventare.....

Re: Sentinelle?

Lasciato da Vivoli_V il 24 febbraio 2014 alle 16:37

Grazie Flavia, grazie Luisa.

E' proprio quello che sottolineate anche voi che mi ha colpito.

Tante persone, molto coinvolgimento e voglia di "mettersi in gioco".

Però ancora .. ancor mi chiedo: come Cervia ci è riuscita?

In questo momento di grossa e profanda crisi del welfare:

1. di nuovo, qual è l'ingrediente che ha portato i cittadini ha fidarsi della loro istituzione, ad essere lì, addiruttura ad "andargli verso", cioè a dichiararsi pronti a supportare la propria istituzione nel momento dell'aggancio di altre persone potenzialmente "fragili"

2.  come si è riusciti a non farli sentire "usati" (forse la parola "usati" è un po' forte, ma mi auguro capiate quello che intendo) ....

Re: Sentinelle?

Lasciato da Cristina Ceccarelli il 24 febbraio 2014 alle 22:04

Buonasera a tutti, ciao Vanessa,

io credo che l'ingrediente sia quello di condividere un bisogno che è sentito da tutti in ugual modo. Si lavora, si va sempre di fretta, non c'è tempo per coltivare le relazioni, a volte si abita nello stesso palazzo e non ci si conosce neppure... chi è che non vorrebbe avere il vicino di casa di una volta che ti chiede come stai, che ti dà una mano in caso di bisogno, che sa quali parole usare perché conosce le tue debolezze e ti offre il tuo aiuto anche quando non lo hai chiesto? Io penso che questo sia una delle leve che muove interesse verso il progetto. Poi c'è l'istituzione che per prima, in un certo senso, dichiara le proprie debolezze.. cioè la difficoltà ad intercettare tutte le fragilità ed i bisogni (pensiamo a chi per diversi motivi non si avvicina di propria iniziativa ai servizi sociali o a chi non conosce la rete dei servizi) e chiede ai suoi cittadini di colmare questa difficoltà per costruire insieme una comunità migliore, più sana e coesa, che punta alla salute e allo stare bene come collettività...è forse questo l'ingrediente principale?
Se l'obiettivo è comune e condiviso io credo sia difficile che le persone si sentano "usate"....è più facile che ci sia una partecipazione spontanea soprattutto all'avvio del progetto.

Sono diversi i percorsi previsti in questa fase di avvio, questo il calendario degli incontri distribuito nella serata di presentazione.
Buona serata da Cervia!

Allegati

Re: Sentinelle?

Lasciato da maria Busi il 25 febbraio 2014 alle 14:11

Sentirsi parte di un progetto condiviso anche dalle istituzioni fa sentire di essere nel giusto , per non credere di cadere nel finto buonismo.

Dare importanza alle persone non fa altro che accendere la consapevolezza di chi fa

Re: Sentinelle?

Lasciato da FLAVIA BEZZI il 26 febbraio 2014 alle 14:50

Sono pienamente d'accordo con Cristina e Luisa.

A Cervia, l'istituzione si mette a disposizione, comprende che non può intercettare i bisogni e le problematiche di tutti e chiede aiuto.

Chiede aiuto per dare aiuto. Non chiede soldi o altro, ma soltanto fare quello che una volta veniva automatico dal cuore: ascoltare e aiutare.

Perchè si sono fidati? Perchè ognuno ha dei bisogni e attivare questa complicità con l'Amministrazione dà speranza.

Ora viene il bello! La presentazione era solo l'inizio di questo bel percorso. A questo punto occorre dimostrare che la fiducia accordata  è meritata e per questo speriamo che altrettanto numerosi siano le persone che parteciperanno agli incontri di formazione organizzati a partire da marzo.

Sviluppato da Ploneboard
Azioni sul documento
ultima modifica 26/02/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it