martedì 12.12.2017
caricamento meteo
Sections

Livello di partecipazione Consultazione

Fase della politica Analisi

Yes we open

Conclusa il 31/03/2016

Si rivolge a
  • Aziende sanitarie
  • Cittadini
  • Università

Relatori e casi studio a Open Sanità del 17 giugno 2014

Brevi biografie dei relatori e link ai casi studio presentati al seminario “Governance della sanità e del sociale: riflessioni ed esperienze su politiche della trasparenza e sul riuso dei dati in Italia ed in Europa”

Angela Simone (Discussant), scrive di scienza e tecnologia per varie testate (su web e carta stampata) e ne parla su Radio Città del Capo di Bologna. E’ socia dell’agenzia di comunicazione scientifica formicablu srl.

 

Matteo  Brunati, (introduce l'argomento Open Data) è corrispondente per l'Italia della ePSI Platform, la piattaforma europea per la condivisione delle pratiche e per il riuso del patrimonio informativo pubblico.

 

Presentano le loro esperienze di uso degli "Open data":

Andrea Nelson Mauro, giornalista esperto di dati, è fondatore con Alessio Cimarelli, fisico e data scientist, di Data Ninja un network e una piattaforma di per il data journalism attivo, che oggi collabora con i più importanti editori a livello nazionale e internazionale

Andrea Menapace è attualmente project manager per fondazione Ahref e socio fondatore di Diritto di sapere, un’associazione senza scopo di lucro che ha come obiettivo la difesa e l’espansione del diritto umano di accesso all’informazione.

Marco Boscolo, collaboratore di FormicaBlu e giornalista freelance, ha curato lo scorso anno la prima edizione dell’inchiesta “Dove ti curi?”. Obiettivo del progetto era rendere accessibili e chiari i parametri sulla qualità delle prestazioni sanitarie di tutto il sistema sanitario italiano, pubblico e privato. Attraverso Agenas, l'Agenzia nazionale per i servizi sanitari, sono ora accessibili a tutti i cittadini i dati del ministero della Salute, riferiti a 1200 strutture ospedaliere di tutt'Italia.

Luca Corsato, architetto appassionato di open data, presenta il progetto WikiVez del Comune di Venezia, un corso per insegnare ai cittadini come valorizzare e condividere informazioni sul patrimonio culturale locale.

Roberto Parma, componente del Comitato Consultivo Regionale per la qualità dei servizi dal lato del cittadino, ci parlerà della utilizzazione dei dati di qualità percepita raccolti nei servizi sanitari dell’Emilia Romagna.

Pina Lalli, sociologa e coordinatrice del Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale di Univeristà di Bologna presenta ipotesi di lavoro sui dati aperti della sanità e del sociale, che potrebbero diventare oggetto  dell’attività di ricerca e laboratoriale svolta agli studenti del corso di laurea.

Redazione di EpiCentro, ci presenterà Videof@r banca di dati aperti sulla prescrizione e l’utilizzo dei farmaci "Osservatorio sui farmaci".

Nicola Pinelli, direttore scientifico della FIASO, Federazione Italiana delle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, presenta le attività del Laboratorio “Osservatorio buone pratiche” e le opportunità di confronto e miglioramento che si aprirebbero se si potesse contare su dati aperti da tutte le Aziende sanitarie italiane.

Amelia Beltramini, da 35 anni giornalista del settore salute-medicina, è caporedattore del mensile Focus. Tiene un blog sui temi di salute e conflitti di interesse, è stata consigliere dell'Ordine dei giornalisti della regione Lombardia. Da tre anni pubblica i dati del Piano Nazionale Esiti nello speciale Ospedali di Focus.

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 12/06/2014 — ultima modifica 27/08/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it