SEINONDA

Conclusa il 30/04/2016

Si rivolge a
  • Associazioni
  • Aziende
  • Cittadini
  • Enti

Workshop SEINONDA SULLA COSTA

Workshop tematico relativo alle alluvioni in ambito costiero rivolto agli stakeholders e ai cittadini all’interno del Processo partecipativo per l'elaborazione del Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni.

Dettagli dell'evento

Quando

10/06/2014
dalle 17:10 alle 20:30

Dove

CERVIA (RA), Sala XXV Aprile, Piazza XXV aprile n. 11

Persona di riferimento

Recapito telefonico per contatti

051 527 6811

Partecipanti

NB: il workshop è riservato a 30 partecipanti, nel caso il numero di adesioni ricevute superi il numero di posti disponibili si prevede di fare 2 workshop, con inizio rispettivamente alle ore 13.30 e 17.00. Se comunque il numero di adesioni supererà le 60, si procederà a realizzare una selezione. I gruppi di lavoro saranno costituiti garantendo un numero equilibrato di partecipanti secondo i criteri di: fasce di età, genere, gruppi sociali, gruppi culturali.

Aggiungi l'evento al calendario

Il processo si inserisce nel percorso di attuazione della Direttiva 2007/60/CE, “Direttiva Alluvioni”, relativa alla valutazione e alla gestione del rischio di alluvioni, che impone a ciascuno stato membro di dotarsi di mappe della pericolosità e del rischio di alluvioni e di un Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni (PGRA).

L’obiettivo del Piano è quello di ridurre le conseguenze negative dei fenomeni alluvionali nei confronti della salute umana, del territorio, dei beni, dell’ambiente, del patrimonio culturale e delle attività economiche e sociali, individuando un sistema integrato di misure di prevenzione, protezione e preparazione, gestione dell’emergenza e ripristino dei danni, tenendo conto anche dei cambiamenti climatici in atto.
L’incontro è organizzato dal Servizio Difesa del Suolo, della Costa e Bonifica della Regione Emilia-Romagna con la collaborazione del Comune di Cervia e degli Enti e strutture competenti nella gestione del rischio di alluvioni.
Il programma prevede:
la partecipazione attiva dei cittadini attraverso gruppi di lavoro guidati, che discuteranno su specifici scenari introdotti da una simulazione (Vivo in un’area soggetta ad alluvioni da mareggiata: un anno prima dell’evento; un giorno prima dell’evento, durante l’evento; dopo l’evento, cosa ho imparato?).

È previsto un breve inquadramento iniziale e quindi la suddivisione dei partecipanti in gruppi di lavoro per approfondire le tematiche proposte, attraverso tecniche di facilitazione che favoriscono la discussione e gli spunti di riflessione. Tutte le risposte, idee e concetti emersi dalle domande discusse tra i partecipanti al workshop saranno poi raccolte in un rapporto finale.

Agli iscritti verrà anticipata via mail la "Guida del partecipante", con la quale prepararsi al workshop.

Modulo di iscrizioni al workshop

Ulteriori informazioni su questo evento…

Azioni sul documento
Pubblicato il 23/05/2014 — ultima modifica 27/05/2014
< archiviato sotto: , >
Manutenzione dei corsi d'acqua e dei canali di bonifica: cosa può fare un cittadino?
Cosa può fare un cittadino per la manutenzione dei corsi d’acqua e dei canali?
  • Rimuovere in autonomia materiale negli alvei e dalle sponde
    5.26% 1 (5.26%)
  • Rendersi disponibile alla gestione della vegetazione che può impedire il deflusso normale delle acque
    10.53% 2 (10.53%)
  • Segnalare la presenza di materiale abbandonato e di vegetazione che ostacolano il deflusso delle acque agli enti preposti.
    57.89% 11 (57.89%)
  • Partecipare a corsi e/o visite guidate per imparare come fare una corretta manutenzione
    5.26% 1 (5.26%)
  • Segnalare la presenza di tane di animali o altre criticità negli argini
    21.05% 4 (21.05%)
Voti : 19
Manutenzione dei corsi d'acqua e dei canali di bonifica: due azioni prioritarie
Quali sono le due azioni che ritieni prioritarie per una buona manutenzione dei corsi d’acqua e dei canali di bonifica?
  • Rimuovere materiale abbandonato negli alvei e sulle sponde
    27.59% 8 (27.59%)
  • Eliminare la vegetazione che impedisce il deflusso normale delle acque
    31.03% 9 (31.03%)
  • Ripristinare gli argini danneggiati da tane e controllare le popolazioni animali
    27.59% 8 (27.59%)
  • Organizzare giornate di educazione ambientale sui fiumi (fiumi puliti, ecc)
    6.90% 2 (6.90%)
  • Rimuovere gli accumuli di ghiaia dagli alvei
    6.90% 2 (6.90%)
Voti : 29
Conoscere per capire
Quali sono secondo te i luoghi più indicati per fare informazione/ formazione/educazione sul tema del rischio?
  • Piazze
    10.77% 7 (10.77%)
  • Scuole
    36.92% 24 (36.92%)
  • Centri di aggregazione (sedi di quartiere, circoli culturali)
    27.69% 18 (27.69%)
  • Uffici relazione con il pubblico
    1.54% 1 (1.54%)
  • Esercitazioni
    23.08% 15 (23.08%)
Voti : 65
L’attività di informazione della popolazione sul rischio al quale è esposta
Come vorrei essere informato in caso di allerta meteo?
  • Siti web istituzionali (Regione, Prefettura, Comune)
    17.81% 13 (17.81%)
  • Pannelli luminosi stradali
    15.07% 11 (15.07%)
  • Messaggi TV e Radio
    20.55% 15 (20.55%)
  • Sms
    26.03% 19 (26.03%)
  • App/ Social network
    20.55% 15 (20.55%)
Voti : 73
+info
 
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it