venerdì 23.06.2017
caricamento meteo
Sections

A Ferrara il giardino in movimento

Inaugurato il progetto degli spazi esterni della scuola d'infanzia comunale.

A Ferrara, l’11 aprile scorso, si è inaugurato il progetto degli spazi esterni della scuola d'infanzia comunale ‘Casa del Bambino' in corso Biagio Rossetti 42.

Il progetto è stato promosso e realizzato dal Comune di Ferrara insieme al Consiglio di Partecipazione, al Coordinamento Pedagogico della scuola d'infanzia comunale ‘Casa del Bambino' e ai genitori componenti il Gruppo promotore.

Il giardino in movimento" è un' iniziativa partecipata di cittadinanza attiva resa possibile anche grazie ai contributi della Circoscrizione 1, dell'Ufficio Verde del Settore Lavori Pubblici del Comune di Ferrara, della Fondazione "Niccolini" e della Cooperativa Sociale "Città Verde", oltre che dal concreto impegno di Insegnanti e genitori, e sarà attuato per fasi successive e sarà terminato nel 2015.

Il valore finanziario del progetto è di 28mila euro e consentirà ad una delle più grandi scuole d'infanzia comunali di Ferrara (frequentata da 150 bambini) di poter usufruire di un giardino riqualificato, con nuove funzioni per il gioco e la didattica e una particolare cura per la qualità biologica del luogo. Parte rilevante del progetto è il "Piano di manutenzione partecipato", che ogni anno sarà programmato in forma condivisa da tutte le sezioni della scuola e poi attuato attraverso giornate dedicate al giardino, alle quali parteciperanno anche le famiglie.

Presenti all’inaugurazione dell’iniziativa l’Assessore ai Lavori pubblici Aldo Modonesi e il sindaco Tiziano Tagliani che ha affermato: “fa piacere rilevare ancora una volta che esistono in città realtà partecipative come questa che si attivano autonomamente e mettono in campo azioni di riqualificazione di spazi in favore della collettività”.

Il gruppo promotore ha scelto di titolare il progetto "il Giardino in movimento" per sottolineare anche l'aspetto della necessità di una continua cura e riprogettazione degli spazi da parte delle famiglie che partecipano e del corpo insegnati, in relazione alle esigenze educative o alle idee proposte.

Il giardino in movimento, com’è noto, è anche il titolo del libro pubblicato nel 2011 di Gill Clement, paesaggista tra i più conosciuti d’Europa, teorizzatore appunto del giardino in movimento e del concetto di terzo paesaggio.

In questo giardino scolastico saranno sperimentate delle modalità di intervento che potranno essere utilizzate in altre realtà urbane, se così si può dire.

Il Giardino in Movimento è stato inserito dalla Regione Emilia-Romagna come Buona Pratica per la Campagna Città Civili all'interno nell'Agenda BRENDA redatta annualmente dal Servizio Comunicazione, Educazione alla sostenibilità e Strumenti di Partecipazione.

Segnaliamo, infine, un’altra citazione letteraria scelta dal gruppo di progettazione, si tratta di una frase dell’architetto Giancarlo De Carlo, pioniere in italiana della progettazione partecipata, che ben esemplifica gli obiettivi sociali e artistici del progetto:  “Quando tutti intervengono in egual misura nella gestione del potere, oppure – forse così è più chiaro – quando non esiste più il potere perché tutti sono direttamente ed egualmente coinvolti nel processo delle decisioni” l’utopia diventa realtà e l’architettura si pone al centro tra l’uomo e l’ambiente, con il solo obiettivo di definire un grado di trasformabilità compatibile.”

Azioni sul documento
Pubblicato il 29/04/2014 — ultima modifica 30/04/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it