mercoledì 18.10.2017
caricamento meteo
Sections

A Modena, beni Unesco e partecipazione

Workshop dedicato ai progressi partecipativi nella gestione dei Beni dichiarati Patrimonio Mondiale dell’Umanità
A Modena, beni Unesco e partecipazione

Nella foto la Cattedrale di Modena tratta dal sito unesco.modena.it

Saranno i Musei Civici di Modena ad ospitare il prossimo 30 settembre il Workshop “VIVERE E CONDIVIDERE IL PATRIMONIO UNESCO”. Si tratta di un appuntamento dedicato ai temi chiave evidenziati dal documento Final Report on the Results of the second Cycle of the Periodic Reporting Exercise for the Europe Region and Action Plan, che sarà discusso a Bonn dal 28 giugno all’8 luglio.

In altre parole, il report evidenza come siano centrali i processi partecipativi nella gestione dei beni e in particolare in quelli riconosciuti quali Patrimonio mondiale dell’umanità. Il workshop modenese – leggiamo sul sito di Unesco Modena -  affronterà in particolare la presentazione e la discussione di casi concreti riguardanti esperienze già realizzate, in corso o in avanzato stadio di progettazione, da parte dei Siti iscritti all’Associazione Beni Italiani Patrimonio Unesco, della Commissione Unesco e dei Comitati giovani da questa promossi.

Il tema – si legge nel programma ufficiale - riguarda il coinvolgimento attivo nella tutela dell’eccezionale valore universale del pubblico in generale, ma soprattutto delle comunità locali e delle giovani generazioni; comprende quindi l’importanza dell’utilizzo di nuove tecnologie e strategie social.

L’inizio dei lavori è previsto alle 9.15 con i saluti e l’introduzione degli argomenti da parte del padrone di casa, l’Assessore alla Cultura del Comune di Modena Gianpietro Cavazza, e si chiuderanno attorno alle 13.00 con l’intervento di Francesca Piccinini del Comune di Modena che parlerà dei siti Unesco di Modena.

 Sono previsti diversi interventi sulle esperienze di partecipazione di Mantova e Sabbioneta, di Firenze con Il centro storico, delle Dolomiti con #Dolomiti2040, di Ravenna con i monumenti paleocristiani, di Capriate San Gervasio con Crespi D’Adda, Il nostro futuro lo decidiamo noi. E inoltre l’esperienza di Siena con la cura delle Mura di Siena e quella di Modena con la Cattedrale, la Torre Civica e Piazza Grande.

Per saperne di più

Azioni sul documento
Pubblicato il 21/09/2017 — ultima modifica 21/09/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it