martedì 25.09.2018
caricamento meteo
Sections

Beni comuni: per la Toscana obiettivi fondamentali

E' la prima Regione in Italia a prevederne la tutela nello Statuto
Beni comuni: per la Toscana obiettivi fondamentali

L'Aula del Consiglio

Approvata lo scorso 1 agosto, in seconda lettura, la legge statutaria della Regione Toscana per la valorizzazione dei “beni comuni”.

Il testo, frutto dell’unificazione di due proposte di legge, era già stato approvato in Commissione Affari Istituzionali, lo scorso maggio, con estrema soddisfazione dei Consiglieri proponenti Tommaso Fattori, Elisabetta Meucci e Giacomo Bugliari che si erano riproposti uno svecchiamento dello Statuto, risalente ormai al 2005, e di dare spazio alle nuove forme di democrazia partecipata maturate nell’attuale contesto sociale, anche alla luce dei principi di sussidiarietà orizzontale sanciti dall’articolo 118 della Costituzione.

Il testo, che sarà pubblicato nei prossimi giorni su Bollettino Ufficiale, di fatto inserisce una lettera m bis al comma 1 del’art.4 dello Statuto, riconoscendo fra le finalità principali: “la tutela e la valorizzazione dei beni comuni, intesi quali beni materiali, immateriali e digitali, che esprimono utilità funzionali all’esercizio dei diritti fondamentali della persona, al benessere individuale e collettivo, alla coesione sociale e alla vita delle generazioni future e la promozione di forme diffuse di partecipazione nella gestione condivisa e nella fruizione dei medesimi”.

Il concetto di ben comune, sebbene di origini antichissime, è stato recentemente riscoperto, con una nuova consapevolezza da parte di istituzioni e cittadini. Molti Comuni, anche nella stessa Toscana, hanno già inserito nei propri Statuti alcuni principi generali, provvedendo poi, all’adozione di regolamenti.

L’intervento della Regione Toscana, in tal senso, vuole consolidare questo indirizzo ma anche a sostenere l’azione del governo regionale nel riconoscimento puntuale della “cittadinanza attiva” e di tutte le nuove forme di partecipazione civica.

Approfondimenti

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 10/08/2018 — ultima modifica 10/08/2018
< archiviato sotto: , , , >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it