Tecnico di garanzia della partecipazione

La certificazione di qualità del Tecnico di garanzia

Analisi della valutazione dei progetti ai fini della certificazione di qualita’

Ai fini della concessione del contributo, ogni progetto sarà preliminarmente sottoposto all’analisi del Tecnico di garanzia per il rilascio della certificazione di qualità, ai sensi del punto b), art. 8, l.r. n. 3/2010.

Il Tecnico di garanzia valuterà gli elementi di qualità tecnica che il progetto deve avere per ottenere la certificazione. Questi elementi sono individuati sulla base di quelli elencati dall’art. 13 della legge regionale n.3/2010 e precisamente consistono in:

  • le modalità di sollecitazione delle realtà sociali, con attenzione particolare alle differenze di genere, di abilità, di età, di lingua e di cultura; 
  • le modalità per l’inclusione di soggetti sociali organizzati in associazioni o comitati già presenti oppure sorti conseguentemente all’attivazione del processo; 
  • le modalità di selezione dei partecipanti al Tavolo di Negoziazione (TdN), il ruolo del TdN nella condivisione e nello svolgimento del processo, nonché i metodi di conduzione del TdN; 
  • i metodi previsti per la mediazione delle eventuali divergenze e di valutazione di eventuali accordi tra i soggetti partecipanti, anche attraverso l'uso di strumenti di democrazia diretta o partecipativa e deliberativa, sia nella fase di apertura del processo, che nella fase di chiusura del processo partecipativo;
  • le forme con le quali si intende rendere accessibile la documentazione del processo.

Ai fini della composizione della graduatoria, il Tecnico di garanzia in materia di partecipazione valuterà la presenza e la coerenza dei criteri di qualità all’interno del progetto presentato e assegnerà un punteggio sintetico di valutazione della qualità tecnica progettuale.

La mancanza anche di un solo elemento determinerà il non ottenimento della certificazione.

Ognuno degli elementi di qualità tecnica sarà valutato con punti da 0 a 3, utilizzando anche frazioni di punto. Il punteggio sintetico di valutazione della qualità tecnica progettuale risulterà dalla media aritmetica dei punteggi assegnati ai singoli elementi di qualità tecnica.

I progetti che non raggiungeranno una valutazione complessiva della qualità tecnica progettuale superiore a punti 1,5 non otterranno il rilascio della certificazione di qualità.  

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 09/10/2013 — ultima modifica 09/10/2013
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it