Costruiamo Case della Comunità… digitale

Il progetto intende coinvolgere attorno alle Case della Salute cittadine gruppi di attori sensibili al tema della formazione digitale dei più anziani, per analizzare in maniera condivisa le necessità su questo fronte ed immaginare soluzioni collaborative per affrontarle, azioni permanenti di formazione e supporto digitale rivolte agli over65, con particolare riferimento all’accesso ai servizi sanitari digitali e alla telemedicina. 

Con il percorso si vuole avviare un’azione trasversale per coinvolgere l’Azienda USL e in parte i Quartieri cittadini nella definizione partecipata di politiche riguardanti il digital divide, la democrazia di accesso ai servizi, la qualità̀ delle cure dei più̀ anziani e la costruzione di una rete di relazioni a supporto delle fragilità e delle solitudini che si sono acuite in questi ultimi due anni. 

Quattro percorsi partecipativi coinvolgeranno in parallelo le quattro Case della Salute cittadine, Porto – Saragozza, Navile, Max Chersich San Donato-San Vitale e Borgo Reno. I soggetti individuati per ciascuno di questi territori saranno chiamati in primo luogo a costruire una definizione condivisa del quadro dei bisogni, delle necessità e delle opportunità già esistenti in ambito di accesso degli over 65 ai servizi digitali sanitari.  

A seguire verranno individuate le priorità territoriali per poi passare alla realizzazione di azioni sperimentali da mettere in campo. La fase centrale del percorso prevede la co-progettazione delle azioni sperimentali di accompagnamento digitale nei quattro territori, individuando eventualmente spazio contesti dentro e fuori dalle Case della Salute, con il protagonismo della comunità e degli altri soggetti del territorio. 

Al Tavolo di Negoziazione del percorso partecipano il Quartiere Porto Saragozza, Lepida SPA, Spi CGIL Bologna, il Centro Sociale Due Agosto 1980 APS, la Start - UP Volo Bologna, gli Informatici Senza Frontiere APS, AIAS Bologna Onlus, il CCM dell’Azienda USL di Bologna e del Distretto di Bologna, Auser Bologna, Uilp Bologna, Ancescao Bologna e l’Ufficio Scolastico Territoriale. 

Il progetto, promosso dall’Università Verde Bologna APS - Centro Antartide con l’adesione dell’Azienda USL di Bologna, è stato finanziato con un contributo di 15.000,00 euro. 

Documentazione: 
Università Verde logo.jpg

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/03/28 15:04:00 GMT+2 ultima modifica 2022-06-28T15:57:54+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina