La comunità del sistema museale regionale

Avvio di un Sistema museale regionale aperto e integrato sul territorio

La seconda sessione dei tavoli territoriali

Organizzazione dei lavori

I partecipanti vengono suddivisi in gruppi e viene identificato un rapporteur per ogni gruppo.

Ciascun gruppo guidato da un facilitatore, si occuperà di

-tener traccia dei principali elementi emersi durante il lavoro di gruppo, 

-valorizzerà gli elementi emersi dai partecipanti attraverso la raccolta dei post it

-identificherà insieme ai partecipanti i cluster di interesse attraverso l’organizzazione dei post it sull'analisi SWOT. Sulla base dei punti di forza / debolezza / minacce/ opportunità che ciascun museo condividerà con gli altri partecipanti.

Attraverso un ascolto profondo individua gli elementi di forza e debolezza (fattori interni), in particolare le debolezze evidenziano quegli svantaggi o limiti sui quali è opportuno intervenire. Opportunità e minacce mettono in luce quei fattori esterni dai quali, pur tenendo in considerazione la difficoltà di intervenire direttamente su di essi, può dipendere la fattibilità e la sostenibilità di un progetto.

Lavorerà insieme al rapporteur per l’identificazione delle sfide comuni ai gruppi

SFIDE – individuazione e confronto

Identificazione delle principali sfide a cui ciascun gruppo ambisce sulla base degli elementi emersi durante la costruzione della SWOT

SFIDE – wrap-up aggregazione

Durante il coffee break i facilitatori e i rapporteur di ogni gruppo si ritrovano in un momento di wrap-up con l’obiettivo di aggregare le sfide emerse durante i gruppi

SFIDE – condivisione in plenaria

I facilitatori con i rapporteur di ogni gruppo condividono in plenaria le sfide emerse all’interno dei gruppi di lavoro. A seguire un breve momento di note conclusive concluderà la giornata.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/11/29 18:30:00 GMT+2 ultima modifica 2019-11-29T18:36:10+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina