La proposta formativa 2019

L’iniziativa principale del piano di formazione 2019 è stata l"Autoscuola della Partecipazione: imparare facendo insieme", un piano di formazione che ha previsto una serie attività laboratoriali “in presenza” e, parallelamente, un corso online che ha rielaborato, in forma più agile, accessibile e interattiva, i contenuti di “PartecipAzioni: sostantivo, plurale. Guida metodologica per la gestione di processi di partecipazione integrati (3.49 MB)”.

Il corso formativo è stato indirizzato a 180 operatori, di cui 50 dipendenti della Regione Emilia-Romagna e 130 operatori provenienti dagli Enti locali del territorio dell’Emilia-Romagna. Il progetto si è basato sui principi di apprendimento “on the job” - dove ognuno è docente e discente - e sulla filosofia operativa delle Comunità di Pratica (Wenger 1998).

I partecipanti al corso sono stati coinvolti in un processo di co-progettazione tramite il metodo del Project work per realizzare, attraverso la formazione e compiti specifici, un prodotto finale: la stesura di un progetto di partecipazione. L’autoscuola ha avuto l'intento di formare progettisti della partecipazione con visione e conoscenza di strumenti per gestire un processo partecipato.

Fra gli obiettivi:

  • divulgare la Legge regionale sulla partecipazione all’elaborazione delle politiche pubbliche 15/2018;
  • creare una base comune di conoscenze sui principi della partecipazione attraverso l’erogazione del corso on line “Esperienze di partecipazione. Progettare e gestire processi partecipati”;
  • uniformare i linguaggi di coloro che operano nell’ambito della partecipazione;
  • consolidare la rete dei referenti che si occupano di partecipazione presso la Regione Emilia-Romagna e gli Enti locali in logica di comunità di pratica;
  • sviluppare competenze per la progettazione e la gestione dei processi partecipativi;
  • sviluppare competenze su tecniche e metodi di condivisione delle scelte.

Il corso ha avuto una durata totale di 60 ore di formazione e si è svolto da marzo 2019 a dicembre 2020.

Il progetto formativo ha previsto:

  • un incontro interattivo rivolto a tutti gli iscritti della durata di 7 ore per presentare l’iniziativa, mappare le competenze, costruire e configurare il gruppo di partecipanti;
  • un workshop rivolto a tre gruppi composti da circa 60 partecipanti, della durata di 5 ore, per acquisire competenze e sperimentare tecniche di progettazione partecipata;
  • un incontro interattivo rivolto a tutti gli iscritti della durata di 7 ore per sostenere la definizione dell’idea di project work con la prototipazione di un percorso partecipativo;
  • un secondo momento di workshop rivolto a tre gruppi composti da circa 60 partecipanti, della durata di 4 ore, per accompagnare il processo di costruzione del progetto partecipativo;
  • un laboratorio tecnico sperimentale finale di 7 ore per valutare lo stato di avanzamento del project work attraverso una valutazione dell’apprendimento (after action review), l’emersione delle prospettive e delle sfide;
  • attività formative on line certificate, utilizzando la piattaforma e-learning SELF per creare la comunità di pratica dei partecipanti ed elaborare il progetto partecipativo.

 Immagine autoscuola1.png

Per maggiori informazioni è possibile consultare la documentazione relativa al progetto "Autoscuola della Partecipazione"  presente in una sezione dedicata della Piazza Comunità di Pratiche partecipative.

Nel novembre scorso è stato inoltre realizzato un ciclo di 3 laboratori sul tema dei beni comuni, in partenariato con Labsus, che ha visto oltre 50 partecipanti per ogni giornata. I seminari, così come il report conclusivo delle giornate, sono stati un’occasione di riflessione sul tema dell'amministrazione condivisa dei beni comuni anche per gli iscritti alla Comunità di pratiche partecipative regionale. 

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/09/06 13:07:16 GMT+2 ultima modifica 2021-09-06T13:07:16+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina