Pubblica Amministrazione e “Mobile first”

Team digitale e Agid hanno creato un nuovo prototipo di sito web per i Comuni italiani

Un modello di sito web utilizzabile gratuitamente e liberamente da tutte le amministrazioni italiane, che consente a queste di mettere al centro dell’attenzione, da un lato, le priorità, le necessità concrete e le aspettative dei cittadini e, dall’altro, i servizi erogati e la trasparenza del loro stesso operato. Una piattaforma online che facilita il flusso di dati e favorisce il dialogo tra gli enti locali, la popolazione e le imprese, contribuendo a incentivare la partecipazione della cittadinanza, nonché degli stakeholder, tanto alle iniziative realizzate sul territorio, quanto alla definizione condivisa e all’attuazione delle politiche pubbliche.  

Il prototipo di portale creato e gestito dal Team per la Trasformazione Digitale e Agid vuole soddisfare queste esigenze, pertanto prevede alcune caratteristiche e funzionalità standard, individuate mediante l’analisi delle migliori prassi nazionali attuate nell’ambito della PA digitale. Tra queste: la facile accessibilità, l’intuitività, la rapidità della navigazione, oltreché una maggiore semplificazione del linguaggio, e delle procedure burocratiche.     

La versione prototipale del sito è stata progettata in modalità “Mobile First”, ovverosia pensando proprio allo smartphone come suo primo canale di utilizzo (non mancherà, altresì, una versione per desktop).  

Occorre inoltre sottolineare che tale progetto è stato reso pubblico in modalità open source (presto sarà disponibile anche in forma di template html) sulla pagina di Designers Italia (la community di designers e sviluppatori di servizi pubblici ideata dal Team per la Trasformazione Digitale). Sono stati pubblicati il prototipo e la documentazione relativa alla descrizione del progetto: in modo che tutti i Comuni italiani possano usarlo, adattandolo alle proprie particolari esigenze.  

Esso fa riferimento al design system della Pubblica Amministrazione Italiana, perciò tutti coloro che lo utilizzeranno, dovranno mettere a disposizione template html e componenti open source basati su questo modello, secondo quanto previsto dalle Linee Guida su acquisizione e riuso di software per le Pubbliche Amministrazioni e dal Piano triennale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione. Questi ultimi documenti sono stati però implementati con le Linee guida, il kit per l’architettura delle informazioni e i Design kit di Designers Italia. Proprio utilizzando tale protocollo, sono già stati creati, sia il sito del Comune di Firenze, sia la piattaforma della Regione Veneto “MyPortal 3”. I materiali e i risultati di queste esperienze sono serviti per le attività di ricerca finalizzate al progetto del sito web destinato ai comuni. 

La fase di sperimentazione del modello di prova del sito, attualmente in corso presso Cagliari, prevede un percorso di co-progettazione che chiamerà in causa tutti gli uffici del Comune. Ma anche nelle fasi precedenti del progetto si è fatto ricorso a metodologie e tecniche di tipo partecipativo. Per esempio, sono state condotte interviste rivolte a funzionari comunali responsabili dei contenuti telematici e multimediali, rappresentanti del Team per la Trasformazione Digitale e AGID, tecnici e cittadini. 

Per partecipare alla discussione e scambiare idee a proposito del progetto del sito per i Comuni basato sul sistema di design proprio di Designers Italia è stato anche aperto un Forum dedicato.    

Oltre a ciò, dopo un’analisi di desk avviata nel 2017, allo scopo di ottimizzare il progetto, nei mesi di giugno e luglio 2018, sul sito del Comune di Firenze si sono svolti alcuni test di usabilità, i partecipanti ai quali sono stati selezionati in base alla loro consuetudine con la PA e con la Rete generalmente intesa.  Ulteriori cicli di test e approfondimenti hanno avuto luogo, e si svolgeranno in futuro, nel contesto del progetto pilota di Cagliari.  

Il primo esemplare del sito è strutturato in quattro semplici sezioni: le novità; i documenti; i servizi; l’amministrazione. Una panoramica di questi contenuti è presentata nella homepage, dotata, peraltro, di un motore di ricerca interno. Tutti i servizi sono, inoltre, presentati da una pagina che offre le informazioni fondamentali per orientarsi nell’utilizzo del portale. In esso, infine, si trovano le informazioni necessarie al cittadino per sapere quali sono i casi in cui può usufruire dello strumento online e quali quelli in cui deve invece recarsi allo sportello. 

Approfondimenti: 

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/02/21 11:19:53 GMT+2 ultima modifica 2019-02-21T11:19:53+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina