Sant’Agata Militello adotta la “Carta della Partecipazione”

Più coinvolgimento dei cittadini nelle decisioni pubbliche

L’Amministrazione Comunale di Sant’Agata Militello (ME) ha aderito alla “Carta della Partecipazione” (delibera n. 165 del 15 novembre 2019 (pdf, 295.07 KB)). 

Si tratta di un documento promosso dall’INU (Istituto Nazionale di Urbanistica) e sottoscritto nel dicembre 2014 dall’AIPP (Associazione Italiana della Partecipazione Pubblica), dall’IAF (Internacional Association of Facilitators – Italia), dalla Cittadinanza attiva Onlus, da Italia 
Nostra Onlus e dall’Associazione Nazionale “Città Civili” con lo scopo di promuovere la cultura della partecipazione, aiutando a sviluppare linguaggi e valori comuni, anche attraverso lo scambio di esperienze e buone prassi tra gli aderenti. 

La carta, che definisce 10 principi per coinvolgere i cittadini alle decisioni pubbliche (cooperazione, fiducia, informazione, inclusione, efficacia, interazione costruttiva, equità, armonia o riconciliazione, render conto, valutazione), con tali indicatori, si propone di alzare ed uniformare la qualità dei processi partecipativi organizzati, riconoscendo l’importanza della collaborazione tra amministrazione e cittadini, anche ai fini del miglioramento della Pubblica amministrazione, dei servizi erogati e del benessere della comunità. 

Il comune di Sant’Agata Militello, che ha individuato come referente per la carta della partecipazione l’ing. Giuseppe Contiguglia, si è dunque impegnato a: 
– rispettare i principi della Carta con coerenza negli strumenti di governo; 
– applicare con coerenza anche per risolvere, qualora si presentassero, criticità e conflitti 
all’interno della propria organizzazione o nei confronti di altri soggetti; 
– diffondere presso tutti coloro che desiderano avviare processi partecipativi o iniziative di 
partecipazione civica (cittadini e loro rappresentanti; esponenti del mondo della scuola e della 
ricerca; funzionari e rappresentanti delle amministrazioni pubbliche; consulenti e professionisti 
che operano nel settore; esponenti di organizzazioni); 
– favorire la creazione di una Rete della Partecipazione in Italia, tra soggetti 
operativi in ambito locale e nazionale, inviando informazioni su iniziative e realizzazioni di 
buone pratiche; 
– costituire, dopo idoneo avviso pubblico e Forum partecipativi, un tavolo tecnico di 
supporto all’ufficio di Pianificazione Urbanistica formato da soggetti di idonea professionalità 
e competenza, in forma volontaria e gratuita, per sviluppare i processi partecipativi e fornire 
nelle tematiche urbanistiche, anche di dettaglio, contributi per trovare soluzioni condivise. 

 

Approfondimenti 

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina