Casentino 2024: il processo partecipativo per il Piano strutturale intercomunale del Casentino

Visioni e scenari

Per chi si trovasse il prossimo 18 luglio 2021 a Pieve di Socana, nel territorio del Comune di Castel di Focognano, uno dei siti archeologici più rilevanti del Casentino, vero e proprio crocevia rispetto ad antiche direttrici viarie, si svolgerà la seconda delle quattro passeggiate-incontro organizzate dall’Ecomuseo del Casentino durante i mesi estivi per riflettere sulle qualità e sul futuro dei luoghi e dei paesaggi, nell’ambito del processo partecipato per la redazione del Piano strutturale intercomunale del Casentino.

Il piano strutturale intercomunale del Casentino coinvolge i Comuni di Bibbiena, Castel Focognano, Castel San Niccolò, Chitignano, Chiusi della Verna, Montemignaio, Ortignano Raggiolo, Poppi, Pratovecchio Stia, Talla e l'Unione dei Comuni Montani del Casentino in un percorso di riflessione e pianificazione che a partire dal presente porterà a definire una visione strategica articolata e al tempo stesso unitaria di quello che questo territorio ricco e complesso potrebbe diventare tra vent’anni.

Il percorso partecipato che accompagna il Piano è cominciato nel mese di novembre 2020 con due laboratori di riflessione e confronto con il Comitato consultivo dell’Ecomuseo e l’Ufficio di Piano attorno a scenari futuri su alcuni temi centrali per il presente ed il futuro del territorio e sta proseguendo con una serie di attività partecipate che hanno lo scopo di far riflettere i cittadini sugli scenari futuri per lo sviluppo urbanistico, economico, sociale ed ambientale del Casentino.

Le domande emerse sono state tante. Quali sono i luoghi e i percorsi dell’identità territoriale del Casentino? Quali interventi e strategie per valorizzarli nella connessione con i flussi nazionali ed Europei? Quali infrastrutture e servizi per favorire connessioni, mobilità sostenibile e sviluppo? Come sostenere l’agricoltura di qualità, l’acqua, il parco e il bosco come risorse? Quali servizi sono centrali per garantire socialità, salute e qualità di vita degli abitanti?

L’Ecomuseo del Casentino, cha vanta una lunga esperienza sulle modalità di coinvolgimento delle comunità locali,  sta accompagnando l’Unione dei Comuni e il Garante dell’informazione e della partecipazione nella realizzazione di attività di ascolto, ispirazione e coinvolgimento in coerenza con quanto previsto dalla Legge Regionale Toscana 65/2014 “Norme per il Governo del Territorio” e in conformità con le Linee guida sui livelli partecipativi ai sensi dell’articolo 36 comma 5 della suddetta Legge e dell’articolo 27 del regolamento 4/R/2017.

Il piano delle attività partecipative è particolarmente articolato: laboratori interattivi online, un questionario disponibile online “Il Casentino oggi e domani”, la guida del partecipante, il quaderno dei contributi (le mie idee per il Casentino), quattro passeggiate-incontro, incontri di ispirazione e riflessione, incontri di restituzione dei primi risultati, informazione e comunicazione (mailing listi, post sui social, campagna stampa).

I primi risultati sono già consultabili sul sito dell’Ecomuseo e a settembre 2021 è previsto un convegno per condividere le esperienze, le aspettative e riflettere sugli scenari emersi durante le diverse attività laboratoriali con gli abitanti, gli attori economici e i visitatori.

 

Approfondimenti

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina