Percorsi di secondo welfare: come le biblioteche possono diventare nuove infrastrutture di coesione sociale ?

Una proposta di ricerca-azione partecipata sul futuro delle biblioteche

Vi proponiamo la lettura di un interessante iniziativa pubblicata su “Collaborare e Partecipare” di Percorsi di secondo welfare, curata dagli esperti di Pares, con l’intento di offrire a policy maker, community maker, attivisti e consulenti, uno spazio per confrontarsi, condividere strumenti e apprendere a partire da esperienze concrete di collaborazione e partecipazione.

Si tratta della proposta di un percorso di ricerca-azione partecipata sul futuro delle biblioteche in Italia.

Le biblioteche sono sempre state e continuano a essere, secondo gli autori Graziano Maino e Lorenzo Bandera, un punto di riferimento urbano: spazi di incontro, di novità e di cultura, ma anche luoghi di socialità.

Le trasformazioni che rapidamente investono la nostra società contemporanea chiedono alle biblioteche di rinnovarsi per divenire, ad esempio, veri e propri hub di comunità.

Trasformazioni culturali, evoluzioni tecnologiche e tensioni sociali di vario genere costituiscono infatti fattori di pressione che inducono a riconsiderare i modelli operativi delle biblioteche e a promuovere innovazioni negli interventi.

Nei Paesi dell’Europa del Nord, sottolineano gli autori, sono già in corso processi di ripensamento del ruolo affidato alle biblioteche (Seismonaut and Roskilde Central Library 2021) e alle biblioteche è stato chiesto di essere alleate di politiche di integrazione e di svolgere la funzione di hub socio-culturale nell’ambito di strategie di coesione che mirano a rendere le città più attente, aperte e inclusive.

Verso biblioteche pubbliche come incubatori socio-culturali ?

 

Approfondimenti

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/11/24 16:55:03 GMT+1 ultima modifica 2021-11-24T16:55:03+01:00
Foto da Pixabay

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina