Formazione

La  nuova “Legge sulla partecipazione all'elaborazione delle politiche pubbliche” n. 15/2018, tra le novità introdotte, ha previsto uno specifico articolo dedicato alla “Promozione della legge e formazione” nel quale si prevede che la Giunta realizzi “attività di formazione finalizzate alla promozione della cultura della partecipazione all’interno dell’amministrazione regionale e degli enti locali e alla formazione di personale in grado di progettare, organizzare e gestire processi partecipativi” (art. 10, comma 2). 

Un impegno preciso quindi, finalizzato a rafforzare ulteriormente le attività comunque realizzate sul tema anche negli anni precedenti: dalle conoscenze acquisite ‘sul campo’ nei numerosi processi partecipativi attivati, alle azioni messe in campo per condividere strumenti, progetti e buone pratiche (portale, newsletter, workshop, seminari,…), dalla pubblicazione “PartecipAzioni: sostantivo, plurale. Guida metodologica per la gestione di processi di partecipazione integrati” (3.49 MB) (2015), ai corsi di e-learning sulla piattaforma SELF, fino alla realizzazione di una rete della partecipazione regionale con la Comunità di pratiche partecipative.

Dal 2019 l’Area Partecipazione della Regione Emilia-Romagna predispone un Piano Formativo annuale. Partendo dallo sviluppo delle competenze dei componenti della Comunità di Pratiche Partecipative, si sono ampliate le proposte formative, tenendo conto dei bisogni emersi e della dimensione raggiunta dalla stessa Comunità (da 69 a 280 iscritti in 3 anni).

Gli stessi partecipanti ai corsi, attraverso percorsi di co-progettazione vera e propria (ParteciFare 2020 e ParteciFare 2021) e la somministrazione di questionari mirati che ne hanno fatto emergere le necessità, sono diventati i protagonisti delle proposte formative realizzate in questi anni, non semplici fruitori.

L’attività di monitoraggio delle attività formative viene effettuata: ex-ante con la co-progettazione del programma insieme alla Comunità di pratiche partecipative; in itinere somministrando questionari di fine corso e con la rilevazione della soddisfazione dei partecipanti; rendicontata nelle Relazioni annuali sottoposte all’attenzione dell’Assemblea legislativa in occasione della Sessione annuale di partecipazione. Tutti i dati sono pubblicati nel portale Partecipazione e nella Piazza Comunità di Pratiche Partecipative.

 

Piano Formativo della Partecipazione 2021

Il  Programma (1.23 MB) messo a punto prevede 4 linee di intervento che si realizzeranno tra settembre e novembre 2021:

Due edizioni del corso di base “Progettazione partecipata”. Il corso è rivolto ad operatori meno esperti, ed approfondirà le basi epistemologiche della partecipazione, tratterà di principi e strumenti dei processi decisionali inclusivi, nonché del tema del design dei percorsi partecipativi. Quali sono gli elementi essenziali perché un percorso partecipativo funzioni davvero?

Il corso avanzato “Stakeholder engagement”  vuole invece approfondire uno degli elementi strategici di un percorso partecipativo: il coinvolgimento di cittadini e abitanti, di tutti gli attori essenziali alla buona riuscita del processo. Come fare a capire chi è fondamentale coinvolgere? Come agganciarli e “corteggiarli”, per fare sì che partecipino in maniera attiva e sostengano il processo stesso? Come lavorare con loro ad un assessment condiviso per definire il perimetro del percorso partecipativo? Il corso è articolato in 1 giornata.

RiPartecipiamo – il corso”, una novità scaturita dopo la fase pilota  conclusa nel mese di giugno 2021. Si tratta un percorso formativo che offre ai partecipanti l’opportunità di sviluppare competenze per progettare e gestire percorsi partecipativi online, integrando momenti di autoformazione (attraverso la piattaforma SelfPA) a momenti di formazione organizzata in forma laboratoriale per lo sviluppo di project work su casi concreti di interesse. 

Infine, il percorso “Introduzione all’amministrazione condivisa dei temi comuni. Dalla teoria alla pratica” che offre alla comunità di Pratiche partecipative dell’Emilia-Romagna, ma non solo, un’occasione per approfondire il tema legato ai Regolamenti per l’amministrazione condivisa dei beni comuni e alla loro declinazione pratica in patti di collaborazione.

I corsi, completamente gratuiti, oltre a cercare di migliorare le conoscenze strumentali e metodologiche dei partecipanti, sono occasione per tessere nuove relazioni e per sviluppare nuovi e imprevedibili progetti. 

Approfondimenti

Piano Formativo della Partecipazione 2020

Proposta Formativa 2019

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/10/18 14:09:00 GMT+2 ultima modifica 2021-09-06T13:19:20+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina